AL VIA IL CONTEST AUDIOVISIVO RACCONTI DI MARE

Promosso dal Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia dell’Università degli Studi di Napoli Federico Il e l’istituto culturale “Il Simposio delle Muse”- Iscrizioni entro il 20 Luglio 2022

L’istituto culturale “Il Simposio delle Muse” nell’ambito del contest “Racconti di mare” organizzato tra le produzioni e i progetti speciali della ventisettesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina" promuove, in sinergia con il Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, un concorso riservato a cortometraggi ed accendel’attenzione sul fortunato connubio tra cinema e ambiente stimolando la creatività dei partecipanti, invitati alla realizzazione di opere che facciano riferimento al racconto del mare, all’importanza (anche metaforica) dell’acqua, al paesaggio mediterraneo, al dialogo tra le civiltà, al viaggio, alla sostenibilità.

Gli audiovisivi, nell’ambito delle ispirazioni sopra tracciate a titolo esemplificativo, dovranno avere come tema il racconto del mare, con una durata non inferiore ai tre minuti e non superiore ai venti minuti. I video dovranno essere realizzati in formato web.

A valutare i lavori sarà una commissione scientifica composta da docenti esperti del Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia, la quale selezionerà il lavoro che verrà proiettato durante la manifestazione in programma nel mese di settembre e che si aggiudicherà il montepremi in denaro.

Le attività del Simposio delle Muse sono poste sotto il patrocinio del Ministero della Cultura, della Regione Campania, della Città Metropolitana di Napoli e della Fondazione Banco di Napoli.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE CLICCA QUÌ

 

Verso il Campania Teatro Festival

Incontro con le specializzande e gli specializzandi del Master per introdurre la XV edizione della Kermesse

Si terrà lunedì 6 giugno alle 15.00 su piattaforma Teams (link: urly.it/3nycr) l’incontro “Verso il Campania Teatro Festival”, durante il quale sarà presentata la quindicesima edizione della kermesse con le specializzande e gli specializzandi del Master in Drammaturgia e Cinematografia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Interverranno Nadia Baldi, Regista e Vicedirettrice Artistica Fondazione Campania dei Festival; Vincenzo Caputo, membro del Consiglio Scientifico del Master di II livello in Drammaturgia e cinematografia e docente di Letteratura italiana; Brunella Fusco, Internazionalizzazione cooperazione culturale e digitalizzazione Fondazione Campania dei Festival.

 

«Il Master – dichiara Vincenzo Caputo – offre agli iscritti l’opportunità di sperimentare sul campo le conoscenze acquisite. Gli specializzandi, in qualità di critici teatrali, collaborano da tempo con il Campania Teatro Festival, pubblicando un “diario di bordo critico” ospitato sul sito ufficiale dell’istituzione culturale (https://campaniateatrofestival.it/). Ciò consente loro di visionare gli spettacoli anche tramite accessi speciali alle prove generali e alle fasi di preparazione. È una sinergia importante che consente appunto di mettere in pratica le conoscenze acquisite durante lezioni e laboratori».

 

«Le sinergie create con le Università della Campania – dichiara Brunella Fusco, Internazionalizzazione cooperazione culturale e digitalizzazione Fondazione Campania dei Festival –

rappresentano uno straordinario e costante laboratorio sulla diffusione del sapere. Mescolando alta formazione e spettacolo dal vivo la Fondazione Campania dei Festival, attraverso diverse progettualità ed in particolare attraverso il Campania Teatro Festival grazie alla direzione artistica di Ruggero Cappuccio, collabora con l’Università Federico II e con i giovani critici in formazione, allievi del Master in Drammaturgia e Cinematografia, accogliendo con favore ed interesse le loro recensioni sul sito Ufficiale».

 

Confermare nel tempo questa tipologia di progetti contribuisce alla formazione di esperti della drammaturgia in grado di operare nel campo dello spettacolo e dell'industria culturale.

 

 

PUBBLICATA LA GRADUATORIA DEGLI AMMESSI AL MASTER 2021/22

Concorso pubblico, per titoli, a numero 50 posti per l’ammissione al corso di Master di II livello in “DRAMMATURGIA E  CINEMATOGRAFIA” afferente al Dipartimento di Studi Umanistici. Anno Accademico 2021/2022

AVVISO DEL 24 MARZO 2022

PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA

Con il presente avviso, affisso mediante pubblicazione informatica all’Albo Ufficiale di Ateneo, nonché divulgato sul sito WEB di Ateneo www.unina.it, si comunica che con DR/2022/1109 del 24/03/2022  sono approvati gli atti relativi al concorso pubblico, per titoli, a numero 50 posti per l’ammissione al corso di Master di II livello in "Drammaturgia e Cinematografia" afferente al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, indetto per l’a.a. 2021/2022 con decreto rettorale n. 81 del 14 gennaio 2022, la cui graduatoria di merito è di seguito riportata.

 

SCARICA GRADUATORIA

AVVISO DEL 14 MARZO 2022

RINVIO DELLA PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA

Con il presente avviso, affisso mediante pubblicazione informatica all’Albo Ufficiale di Ateneo, nonché divulgato sul sito WEB di Ateneo www.unina.it, si comunica che la graduatoria finale del concorso pubblico indetto per l’a.a. 2021/2022, sarà pubblicata secondo le modalità di cui sopra entro il giorno 22 marzo 2022.

SCARICA AVVISO

21 MARZO: GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE

La lingua, la cultura e lo sport come strumenti di integrazione. Alla Federico II, nel complesso monumentale di san Marcellino e Festo, una giornata dedicata agli ambasciatori dell’Inclusione e agli studenti internazionali. Tra gli ospiti l’attrice Pina Di Gennaro, il regista Guido Lombardi e Maradona Jr allenatore della Napoli United.

Si terrà nella chiesa di San Marcellino e Festo, il 21 marzo 2022 alle 10.30una mattinata dedicata al multiculturalismo e all'inclusione come strumenti per riflettere sulla discriminazione razziale. L'iniziativa, promossa dal Centro linguistico della Federico II in collaborazione con il Master in drammaturgia e cinematografia e con il patrocinio del Comune di Napoli, si svolgerà in occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale, istituita dall'ONU nel 1966 e fissata ogni anno nel giorno del solstizio di primavera.

I lavori saranno aperti dai saluti di Matteo Lorito, Rettore Università degli Studi di Napoli Federico II, Rita Mastrullo, Prorettrice Università degli Studi di Napoli Federico II, Valeria Costantino, Delegata ai Progetti Erasmus Federico II, Maria Filippone, Vicesindaco di Napoli.

«Conoscere la lingua di un paese – dichiara Pasquale Sabbatino, direttore del Centro Linguistico – è il primo passo per il dialogo interculturale. Per questo come CLA sentiamo forte la responsabilità di prendere parte al dibattito contro la discriminazione razziale. Il nostro Centro vuole promuovere il multiculturalismo come antidoto alla xenofobia dietro la quale si cela spesso la non conoscenza dell'altro e della sua cultura. Abbiamo in programma molte attività che favoriranno l'incontro e lo scambio fra studenti di etnie diverse affinché l'apprendimento della lingua straniera sia anche strumento di arricchimento reciproco».

All'iniziativa del 21 marzo parteciperanno gli studenti stranieri dell'ateneo federiciano che ci accompagneranno all'interno delle loro culture in un viaggio fantastico che passa per le loro tradizioni, per i loro costumi e per le loro passioni. I loro lavori sono stati raccolti in una mostra intitolata "Nel mio paese…", allestita per l'occasione.

«Le differenze – prosegue il direttore del CLA – non devono essere confini ma ponti per accedere alla conoscenza dell'altro. Durante i nostri corsi di Italiano come seconda lingua, attraverso un questionario, abbiamo chiesto agli studenti gli aspetti più caratteristici della loro cultura, dalla musica al cibo, dall'arte allo sport, dalla cultura alla storia, e ne è venuto fuori un caleidoscopio di colori che ci ha arricchito. Durante l'evento abbiamo previsto vari momenti con la partecipazione dei nostri studenti stranieri affinché possano trasferire a tutti questa ricchezza».

Lo stesso giorno sono attesi esponenti della società civile che con la propria attività o opera intellettuale danno prova quotidianamente del proprio personale impegno per favorire l'inclusione ed eliminare qualunque forma di discriminazione razziale. Anche a loro sarà conferito il titolo di Ambasciatori dell'inclusione. Fra i personaggi insigniti quel giorno ci sarà Pina di Gennaro, che abbiamo di recente rivisto nel ruolo di Melina de L'Amica geniale, e che è invece meno nota al grande pubblico per il suo pluriennale impegno accanto agli immigrati, ai quali sono rivolti i suoi laboratori di teatro. Con Pina Di Gennaro quel giorno anche il regista Guido Lombardi, ex studente Federiciano come l'attrice, che ha vinto Il leone del futuro alla XXVI Mostra del Cinema di Venezia con il corto "Là-bas - Educazione criminale" e il Premio Migrarti 2017 con il film "La recita", denunciando attraverso la sua arte la necessità di offrire percorsi di inclusione e formazione agli immigrati spesso spinti alla criminalità per una reale mancanza di alternative e di formazione lavorativa. Quella formazione che per esempio offre l'Accademia internazionale di Napoli per le professional arts. Un esempio virtuoso di imprenditoria campana al servizio dell'inclusione.

Infine, nel corso della manifestazione promossa dal Centro Linguistico in collaborazione con il Master in Drammaturgia e cinematografia si parlerà di sport e di calcio in particolare. Il calcio è spesso passato alla cronaca come cornice di episodi di razzismo mentre lo sport, soprattutto quello di squadra, deve unire. Per questo il Centro Linguistico ospiterà il 21 marzo la Napoli United, una squadra di calcio multiculturale ma soprattutto un progetto sociale di Integrazione. La lingua, il teatro, il cinema, lo sport sono elementi fondamentali per combattere il razzismo. Si accendono i riflettori sull'impegno di queste personalità con un titolo simbolico ma dal grande valore umanitario affinché ciò sia da esempio per gli studenti.

Per la Napoli United, oltre ad alcuni degli sportivi, saranno presenti il presidente della squadra Antonio Gargiulo, al quale verrà conferito il titolo di Ambasciatore per aver fondato il progetto dodici anni fa, e Diego Armando Maradona Jr, anche lui insignito ambasciatore per il suo ruolo di allenatore della squadra multiculturale.

All'evento saranno invitati i partecipanti al contest Diversity Ambassador, la call promossa dal Cla per accogliere proposte creative che raccontino attraverso video, foto, illustrazioni e componimenti letterari il tema dell'inclusione. I giovani autori delle opere saranno insigniti quel giorno del ruolo di Ambasciatore dell'inclusione.

La mattinata si conclude con un intervento degli studenti internazionali dell'Ateneo, i quali ciascuno nella propria lingua lanceranno un unico e fortissimo messaggio di pace.

SCARICA PROGRAMMA COMPLETO

Bando Premio Lino Miccichè 2022 per la critica cinematografica

Il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – Gruppo Emilia-Romagna Marche e la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema per avvicinare i giovani sia al lavoro critico nel campo del cinema che alle attività di ricerca portate avanti, a livello internazionale, in tutti questi anni, dal festival, propongono un CONCORSO per critici/recensori, intitolato a Lino Miccichè, fondatore della Mostra con Bruno Torri, così articolato:

A) Sezione giovanissimi (riservato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado): recensione della lunghezza massima di 4.000 battute (spazi inclusi) di un film uscito nelle sale cinematografiche o sulle piattaforme on line dopo il 1° gennaio 2021;
B) Sezione riservata agli studenti delle Università, Scuole di Cinema, Accademie di Belle Arti, Conservatori, ISIA, iscritti associazioni cinematografiche: saggio critico della lunghezza di massimo 8.000 battute (spazi inclusi) di un film uscito nelle sale cinematografiche o sulle piattaforme on line dopo il 1° gennaio 2020 o di una serie tv andata in onda dopo il 1° gennaio 2021.

Le candidature dovranno essere inviate entro domenica 29 maggio 2022 all’indirizzo mail premiomicciche@gmail.com

SCARICA IL BANDO

AL VIA IL NUOVO CICLO DEL MASTER DI II LIVELLO IN DRAMMATURGIA E CINEMATOGRAFIA

Pubblicato il nuovo bando di ammisione

Con Decreto Rettorale del 14/01/2021 è stato indetto, per l'anno accademico 2021/2022, il concorso pubblico, per titoli, a numero 50 posti per l'ammissione al corso di Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia, afferente al Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Anche per questa edizione è la didattica si svolgerà si svolgerà in modalità online su piattaforma microsoft TEAMS.

Il bando completo è disponibile su: http://www.unina.it/ateneo/albo-ufficiale
Tutte le informazioni relative agli obiettivi formativi, alle finalità, all’organizzazione didattica, alle sedi di svolgimento e ai piani didattici dei master sono disponibili nel regolamento di funzionamento del master consultabile alla pagina http://www.unina.it/didattica/post-laurea/master

Per partecipare al concorso, il candidato dovrà, a pena di esclusione, presentare la domanda esclusivamente tramite la procedura telematica all'indirizzo internet http://www.concorsi.unina.it/domandeMaster/ entro e non oltre il 21 febbraio 2022, ore 12:00.
Si ricorda che per tutti coloro i quali verranno giudicati idonei e vincitori  il contributo di iscrizione al Master ammonta a € 516,00 pagabile in un'unica rata, oltre ad € 160,00 per la tassa regionale per il diritto allo studio universitario.

BANDO CENTENARIO REA

Produzione di un documentario su Domenico Rea

In occasione del Centenario della nascita di Domenico Rea (Napoli, 8 settembre 1921 – ivi, 26 gennaio 1994), il Comitato nazionale per le celebrazioni richiede un preventivo di spesa per l'assegnazione della  produzione di un documentario dedicato allo scrittore, saggista, autore di racconti, romanzi, opere di teatro romanzi, saggi, articoli di giornale.

PER PARTECIPARE AL BANDO 

Salerno 9 e 10 Dicembre – Giornate di studio per i Cento anni di Domenico Rea

Nel centenario della nascita l’Università degli Studi di Salerno dedica due giornate di studio internazionali al cantore di Nofi.

Nell’ambito delle iniziative promosse dal Comitato nazionale per le celebrazioni del Centenario della nascita di Domenico Rea, il 9 e il 10 dicembre presso il Museo Diocesano “San Matteo” di Salerno, si terrà il Convegno “L’estro furioso. Giornate di studio internazionali a cento anni dalla nascita di Domenico Rea“, organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Salerno, in collaborazione con il Centro Bibliotecario di Ateneo e il Centro Interdipartimentale di Ricerca “Alfonso Gatto” e il Centro di Ricerca “Domenico Rea”.

Il 9 dicembre alle ore 16.00 il convegno si aprirà con la presentazione della mostra L’estro furioso dedicata ai libri di Domenico Rea A piedi scalzi e Nola della buonora, curata dalla Biblioteca di Ateneo.

Prevista la partecipazione di Maria Rosaria Califano Direttrice della Biblioteca di Ateneo, degli editori Egidio Fiorin e Vittorio Avella e del giornalista Andrea Manzi, per proseguire con una discussione sulle connessioni tra Rea e gli scrittori contemporanei con gli interventi di Alessio Forgione e Antonella Ossorio, coordinati da Vincenzo Salerno.

Le sessioni della mattina del 10 dicembre si concentreranno prima sull’attività letteraria di Rea poeta e romanziere con interventi di Massimo Arcangeli (“La letteratura e il popolo: Il domabile furore della lingua di Domenico Rea”), Marcello Napoli (“Alfonso Gatto e Domenico Rea: due vite ‘quasi’ parallele”), Eleonora Rimolo (“Una vampata di rossore. Il primo ‘falso romanzo’ di Domenico Rea”) e Vincenzo Salerno (“A piedi scalzi. La poesia di Domenico Rea”), coordinati da Alberto Granese; successivamente si indagherà il rapporto di Rea con l’editoria con interventi di Raimondo Di Maio (Libreria Dante & Descartes), Annalisa Carbone (“Figurazioni di Pulcinella: Eduardo e Domenico Rea per Casella ed Edizioni Scientifiche Italiane”), Apollonia Striano (“In margine all’editoria napoletana del 1900”), Andrea Tramontana (Bompiani-Giunti Editore) e Francesco G. Forte (Oèdipus Editore), coordinati da Rosa Giulio.

La sessione pomeridiana metterà prima in contatto l’opera di Rea con la storia, l’antropologia, il giornalismo e la fotografia e vedrà gli interventi di Marcello Ravveduto (“Don Mimì e l’Agro”), Vincenzo Esposito (“L’Antropologia implicita di Domenico Rea”), Generoso Picone (“Domenico Rea giornalista”) e Rosario Petrosino (“Le fotografie di Domenico Rea nelle collezioni del MU.Di.F.”), coordinati da Epifanio Ajello; poi si concentrerà sull’interesse di Rea per il Vecchio e il Nuovo Continente, tra Spagna, Brasile e viaggi transoceanici con interventi di Roberta Alviti (“La Spagna in Domenico Rea e Domenico Rea in Spagna”), Maria Rosaria Corvino (“Testimone di una lontana terra: gli scritti brasiliani di Domenico Rea”), Sebastiano Martelli (“Domenico Rea e l’emigrazione transoceanica: viaggi reali e immaginari”), Giorgio Sica, (“Il racconto del Brasile in Bontempelli, Zweig e Rea”), coordinati da Rosa Maria Grillo.

Chiuderà i lavori una tavola rotonda, coordinata da Matteo Palumbo, con la partecipazione di Epifanio Ajello, Rosa Giulio, Alberto Granese, Rosa Maria Grillo, Sebastiano Martelli, Lucia Rea, Pasquale Sabbatino.

SCARICA LOCANDINA

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI DEL CENTENARIO

 

Al via la XV rassegna del Cineforum in lingua originale

Con la riapertura delle sale cinematografiche riparte anche il tanto atteso Cineforum in lingua originale del CLA in collaborazione con il nostro master

Il Cineforum in lingua originale del CLA riprende con la XV rassegna martedì 30 novembre 2021 alle ore 18:00 presso il cinema Academy Astra.

Il primo film in programma, in lingua inglese, è "Cruella" di Craig Gillespie (2021), ottimo live action della Disney prequel di "One Hundred and One Dalmatians" ("La carica dei 101") con una bravissima Emma Stone che interpreta Crulla De Vil (Crudelia De Mon) da ragazza fino alla sua trasformazione in una delle cattive più famose della storia del cinema.

Tutti i film sono sottotitolati in italiano. La rassegna è organizzata in collaborazione con il COINOR, il Goethe Institut, il Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia e F2 Radio Lab.

La prenotazione è obbligatoria solo per le scuole. Per l'ammissione in sala è necessario essere in possesso di green pass, da mostrare unitamente a un documento di identità, non avere sintomi influenzali e indossare per tutta la durata del film una mascherina almeno chirurgica.

Per info e prenotazioni: CLICK HERE

I docenti del Master premiano Mariano Rigillo

Premio speciale alla carriera a Mariano Rigillo nell’ambito della XXVI edizione del premio “Penisola Sorrentina”

È composta da cinque docenti del Master di II livello in Drammaturgia e cinematografia (Vincenzo Caputo, Anna Masecchia, Matteo Palumbo, Pasquale Sabbatino e Giuseppina Scognamiglio) la giuria che assegnerà il Premio speciale alla carriera a Mariano Rigillo nell’ambito della XXVI edizione del premio “Penisola Sorrentina”, patrocinato dal Ministero della Cultura e dalla Regione Campania.

La premiazione avverrà sabato 23 ottobre alle 19.00 presso il Teatro comunale Tasso di Sorrento. Mariano Rigillo ha attraversato la storia del cinema, del teatro e della televisione, lasciando il segno della sua autorità di attore, che sa calarsi in ruoli diversi e memorabili: a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta e dal Masaniello di Elvio Porta del 1974. Per quanto riguarda nello specifico il cinema, Metti, una sera a cena del 1969 è ulteriore testimonianza del sodalizio artistico con Giuseppe Patroni Griffi. Il film inaugura una serie di lavori fondamentali per la cinematografia italiana. Segnaliamo tra gli altri, in una carriera ricchissima di successi, il Metello con regia di Mauro Bolognini (1970), Il Postino con regia di Michael Radford (1994), La masseria delle allodole con regia di Paolo e Vittorio Taviani (2007) e To Rome with love con regia di Woody Allen (2012). In tutti questi lavori, al cinema come al teatro, il registro della sua voce è ormai così incisivo e riconoscibile che ha dato forma, negli ultimi anni, a uno dei personaggi principali del film d’animazione La Gatta Cenerentola di Alessandro Rak. La voce profonda di Rigillo fa vivere la complessità variegata dei personaggi che interpreta. L’incedere sa essere imponente ma anche ironico e leggero. Il gesto delle mani traduce le sfumature dell’anima e comunica emozioni segrete e private.

In tal senso il premio alla carriera a Mariano Rigillo vuole essere un riconoscimento al ruolo fondamentale svolto dall’artista napoletano nel panorama teatrale, cinematografico e televisivo dell’ultimo cinquantennio.