News

PREMIO CONCETTA BARRA – Isola di Procida 2021 VIII Edizione

Torna il “Premio Concetta Barra – Isola di Procida” per l’ottavo anno consecutivo l’8 e il 9 settembre a Procida, nel pieno rispetto delle misure anti covid-19. La due giorni nasce dal desiderio dell’Università di Napoli Federico II di onorare e ricordare la grande artista procidana, ambasciatrice di una tradizione popolare che ha saputo rivisitare e interpretare in maniera unica e irripetibile, ripercorrendo il suo rapporto umano ed artistico con la cultura dell’isola che le diede i natali.

Il Premio, istituito dal Master di II livello in “Drammaturgia e Cinematografia” coordinato da Pasquale Sabbatino, è patrocinato dal Comune di Procida e organizzato dall’Associazione PartenArt, presieduta da Fara Paolillo, con la commissione scientifica coordinata da Massimo Marrelli, già rettore dell’Università Federico II.

«Il premio è nato dal sogno di molti amici di ricordare una bella figura di donna procidana attraverso il valore di un’isola con tutte le sue tradizioni e tutta la sua bellezza culturale. Quello di Concetta Barra non è un premio incentrato solo sull’arte, ma anche sulla luce, sull’amore per i giovani e sui grandi valori culturali», dichiara Peppe Barra, direttore artistico del Premio, degno e consapevole erede della cultura e della tradizione della madre Concetta Barra e docente del master in “Drammaturgia e Cinematografia” della Federico II.

La manifestazione si apre mercoledì 8 settembre, alle ore 19.00, nella suggestiva cornice di Piazza Marina Grande, con la tavola rotonda Basile a Procida. Incontro sul libro di Peppe Barra “Lengua serpentina e altri racconti da ‘Lo cunto de li cunti” (Giuseppe Barile editore). I lavori, coordinati da Massimo Marrelli, saranno aperti dai saluti di Raimondo Ambrosino, Sindaco di Procida, Leonardo Costagliola, Assessore al Turismo, e Michele Assante del Leccese, Assessore alla Cultura. Interverranno Peppe Barra, Lello Esposito, Dinko Fabris, Matteo Palumbo, Pasquale Sabbatino, Giuseppe Barile.

A seguire, l’associazione Polluce presenta “Alterazioni”, lo spettacolo prodotto dalla Compagnia “La Flotta” con i detenuti della Casa Circondariale G. De Angelis di Arienzo (CE), testo e regia di Gaetano Battista, assistente alla regia e interventi musicali di Fabio Fiorillo, musiche dal vivo di Franco Ponzo.

Si continua giovedì 9 settembre, alle ore 19.00, sempre in Piazza Marina Grande, con l’intervento di Matteo Lorito, rettore dell’Università di Napoli Federico II, e la consegna del “Premio Concetta Barra – Isola di Procida” a personalità che si sono distinte nell’ambito della cultura.

La commissione scientifica, presieduta da Massimo Marrelli (Università di Napoli Federico II) e composta dal Maestro Peppe Barra (Master in Drammaturgia e Cinematografia, Università di Napoli Federico II), Beatrice Alfonzetti (Università La Sapienza di Roma), Giulio Baffi (critico teatrale), Maurizio de Giovanni (scrittore), Dinko Fabris (Università della Basilicata, Responsabile Scientifico del Dipartimento di ricerca, editoria e comunicazione del Teatro San Carlo), Lello Esposito (Scultore e Pittore), Andrea Mazzucchi, Matteo Palumbo, Pasquale Sabbatino e Guido Trombetti  (Università di Napoli Federico II), Pier Mario Vescovo (Università Ca’ Foscari di Venezia), conferisce il Premio Concetta Barra a Arturo Brachetti, Franco Cordelli, Marco D’Amore, Fiorenzo Niccoli, Antonio Parlati, Valeria Parrella, Lina Sastri e Gabriel Zuchtriegel.

Al termine Peppe Barra saluterà il pubblico.

SCARICA LOCANDINA

A Maurizio Braucci il riconoscimento speciale Massimo Troisi 2021

Continua la sinergia tra il nostro Master e il Premio Massimo Troisi, promosso ed organizzato dal Comune di San Giorgio a Cremano.

Prestigioso osservatorio sulla comicità giunto alla sua XXI edizione, il Premio Massimo Troisi 2021 si riconferma come un importante appuntamento culturale ed artistico per la città. La kermesse dà la possibilità a talenti emergenti di concorrere ad ambiti premi e riconoscimenti con l’obiettivo di consegnare a studenti e studiosi, appassionati e addetti ai lavori, l’immagine inedita di un Troisi vivo e prolifico. In tale prospettiva si inserisce la sezione “Testi teatrali, sceneggiature cinematografiche e scritture seriali di fiction televisive, che prevede l’assegnazione di due borse di studio ad “Autori emergenti” e l’assegnazione di un “Premio speciale” della Giuria tecnica, presieduta da Pasquale Sabbatino e composta da Matteo Palumbo, Anna Masecchia, Vincenzo Caputo e Giuseppina Scognamigliodocenti del Comitato Scientifico del Master.

Da anni il Master in Drammaturgia e cinematografia, impegnato nell’alta formazione professionale di autori per il teatro, il cinema e la televisione, critici teatrali e curatori di testi per la scena, fornisce il suo contributo alla valorizzazione della figura e l’opera del poliedrico autore, regista ed attore sangiorgese attraverso il dialogo con le nuove generazioni, la promozione di convegni e la pubblicazione di volumi.

Nell’ambito dell’edizione 2021 del Premio Troisi, le due borse di studio, previste per autori emergenti, sono state assegnate a Francesco Niglio (autore del testo “Il tribunale dei padri“) e Francesco Amoruso (autore del testo “Atti mancati in tre Atti“); hanno avuto menzione speciale Francesca Romana Bergamo, Pasquale Cangiano, Eleonora Sardo. Il premio speciale della Giuria è stato conferito a Maurizio Braucci con motivazione letta da Matteo Palumbo, professore onorario dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Nella funzione di sceneggiatore, Maurizio Braucci ha collaborato con alcuni tra i registi più importanti della cinematografia italiana e internazionale, raggiungendo risultati che sono punti di riferimento nella vita culturale di questi anni.

“Le sue storie evocano – dichiara Matteo Palumbo – conflitti drammatici, elevati a simbolo di una vita dolorosa e violenta. Maurizio Braucci ha raccontato le sconfitte, le illusioni e i desideri di creature ferite a morte, sottoposte a un destino più grande delle loro deboli forze. Insieme con Matteo Garrone, ha illustrato in Gomorra vicende di piccoli uomini, che sprofondano nel male senza averne neppure consapevolezza; con Reality, ha dato forma a un sogno patetico di gloria, inseguita nell’irrealtà micidiale della società dello spettacolo. Ha immerso una storia di sangue e di odio, violento come una furia dell’anima, nel mondo arcaico di Anime nere, diretto da Francesco Munzi. Mostrando il cammino di vite appena sbocciate nella Paranza dei bambini, Braucci aggiunge una nuova evidenza alla rappresentazione di destini fragili, cresciuti all’ombra della morte. Raccontando storie amare, estranee a qualunque patetismo, egli fornisce un contributo rigoroso alla conoscenza di pezzi dolorosi della nostra contemporaneità. Maurizio Braucci esprime nel modo migliore l’idea della sceneggiatura come lavoro creativo, che si fonde con le immagini e dà forza alla loro presenza. Il premio Massimo Troisi vuole essere il riconoscimento dei grandi risultati ottenuti e l’auspicio per traguardi ancora più prestigiosi”.

COMITATO NAZIONALE PER LE CELEBRAZIONI DEL CENTENARIO DELLA NASCITA DI DOMENICO REA

Nel 2021 cade  il centenario della nascita di Rea, nato a Napoli appunto nel 1921 e morto nella stessa città nel 1994. È un’occasione importante per riproporre all’attenzione nazionale e internazionale la produzione dello scrittore che, a partire soprattutto dalla raccolta di racconti Spaccanapoli (Milano, Mondadori, 1947), si impose come caso letterario per critica e pubblico, divenendo nei decenni successivi uno dei più importanti autori italiani.  A tal fine il Ministero della Cultura ha istituito il Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario di Domenico Rea con l’obiettivo di riportare al centro del dibattito storico-critico e filologico la produzione letteraria di Rea e di quella generazione meridionale a lui vicina. Grazie alla sinergia di diverse istituzioni culturali e accademiche sono stati progettati convegni internazionali e giornate di studi, che coinvolgeranno scrittori contemporanei e studiosi di diverse sedi accademiche (Università degli Studi di Napoli Federico II, Università degli Studi di Napoli L’Orientale, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Università degli Studi di Salerno, Università degli Studi di Urbino, Wake Forest University – North Carolina).

Sarà reso noto il calendario delle giornate di studi e delle attività, fra le quali figurano anche una mostra itinerante e la realizzazione di un documentario sullo scrittore.

BACHECA

È stato istituito, con D.M. del 23/06/2021 n. 220,  il Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Domenico Rea con il compito di programmare, promuovere e curare lo svolgimento delle manifestazioni dedicate allo scrittore.

Nel corso della prima riunione del Comitato, avvenuta il 29 giugno alle ore 18.00, Pasquale Sabbatino e Vincenzo Caputo sono stati eletti all’unanimità rispettivamente Presidente e Segretario Tesoriere. Di seguito la nota prot. 16631 del ministero che sancisce la votazione.

NOTA DEL 7 LUGLIO 2021

CALENDARIO EVENTI:

Martedì 7 settembre 2021 alle ore 10:30

In occasione del centenario della Nascita di Domenico Rea si terrà presso Giardini Grandi di Villa Lanzara – Sarno la conferenza stampa in cui sarà presentato il programma delle attività. La giornata sarà così articolata:

Saluti istituzionali:

Dr. Giuseppe Canfora – Sindaco di Sarno

Avv. Manlio Torquato – Sindaco di Nocera Inferiore

Ing. Michele Strianese – Presidente della Provincia di Salerno

Interverranno:

Dott. Raimondo Di Maio – Editore Dante & Descartes

Prof. Pasquale Sabbatino – Presidente Comitato Nazionale per il centenario di Rea

Prof. ssa Rosa Maria Grillo – Direttrice dl Dipartimento di Studi Umanistici di Salerno

Dott. ssa Lucia Rea

Conclusioni:

On. Vincenzo De Luca – Presidente Regione Campania

SCARICA LOCANDINA

 

Mercoledì 8 settembre 2021 alle ore 17:30

Museo Archeologico Nazionale di Napoli – MANN (Giardino delle Fontane).

Presentazione del libro di Domenico Rea, La mia Napoli. Un itinerario, Edizioni San Gennaro

A cura di Vincenzo Salerno, con una nota di Angelo Petrella e un ricordo di Lucia Rea

Intervengono:

Paolo Giulierini – Direttore Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Antonio Loffredo – Parroco del Rione Sanità

Vincenzo Salerno – Università degli Studi di Salerno

Lucia Rea – Presidente Centro di Ricerca Domenico Rea

Angelo Petrella – Scrittore

Edgar Colonnese – Edizioni San Gennaro

SCARICA LOCANDINA

 

 

“Come nasce una storia” con lo sceneggiatore e regista Salvatore Basile

Nell’ambito delle attività didattiche del Master di II livello in Drammaturgia e cinematografia, coordinato da Pasquale Sabbatino, si è tenuto mercoledì 30 giugno 2021 il seminario “Come nasce una storia” con l’intervento dello sceneggiatore e regista Salvatore Basile in dialogo con Bernardina Moriconi.
A Basile sono legate molte fiction di successo, tra cui Il giudice Mastrangelo, Il Restauratore, Un passo dal cielo e Una pallottola sul cuore fino ad arrivare al recentissimo Commissario Riccardi (2021). Ha curato, inoltre, la regia de L’uomo che cavalcava nel buio e di Don Matteo 8. A introdurre l’incontro sarà Vincenzo Caputo, docente del Master.
«Incontrare – dichiara Basile – gli studenti del Master della Federico II, una delle Università più antiche e prestigiose del mondo, mi fa battere il cuore. Ritroverò, anche se in collegamento, un pezzo della mia città, ma soprattutto avrò il piacere di rapportarmi con persone che hanno deciso di intraprendere un percorso difficile ma costellato di emozioni: raccontare. Cercherò di dare del mio meglio e non è un refuso: dare. Perché questo vuole dire raccontare, regalare agli altri ciò di cui non si può fare a meno: una buona storia».
Il seminario si inserisce in una serie di incontri dedicati alla scrittura della lunga serialità televisiva.